3 domande a Mendicino

1. “Da giugno a Dicembre, quasi 200 giorni che il Condor ha ripreso le attività, sei orgoglioso come Direttore Generale di essere riuscito a permettere ai nostri ragazzi e ragazze di proseguire?”

“Dirci che quello fatto è il risultato di un lavoro di squadra che la nostra società si prefigge da sempre. Non dimentico comunque la disponibilità degli allenatori, in particolare il RSC Enrico Simenoni, che con la loro professionalità hanno consentito lo svolgersi delle attività in piena sicurezza rispettando i protocolli.”

2. “Si avvicinano le festività Natalizie, cosa ti senti di dire ai nostri atleti  e alle loro famiglie?”

“Oggi più di altre volte mi sento di augurare un Buon Natale di rinascita, che possa portare la speranza di una ripresa alla normalità che tutti stiamo aspettando, augurandoci un buon anno ricco di soddisfazioni e di abbracci e sorrisi in salute.”

3. “Da qualche giorno, purtroppo è mancato il nostro caro Presidente Adamo. Ti chiedo un ricordo da parte tua a nome della società.”

“La perdita del presidente ha sconvolto un po’ tutte le società e vivremo questo lutto ancora a lungo perché una persona così lascia il segno in qualsiasi cosa faccia. Noi ci riproponiamo di portare avanti quello a cui più lui teneva (i valori umani, le regole, il rispetto) ricordandoci sempre che siamo e saremo un esempio per le generazioni future che oggi compongono il nostro settore giovanile, e quindi rievocando sempre la responsabilità che ricopriamo.”